Anche quest’anno parteciperemo alla Fiera FaLaCosaGiusta di Milano (dal 30-31marzo al 1 aprile).
Vieni a trovarci allo stand: TC27; Sezione Turismo Responsabile, pad.2

Tutti i giorni Eva, MTeresa, Enrico e Francesco saranno pronti a darti informazioni su tutte le proposte…in più potrai incontrare GLI ESPERTI del VIAGGIO, accompagnatori ed esperti ti aspettano presso lo stand di Viaggi Solidali, non mancare!!!

Venite a sognare il vostro viaggio…

Continue reading »

Tagged with:  

Il fotogiornalista Aldo Pavan ci porta nel cuore della Bolivia, tra gli indios mosetenes. Il loro villaggio si raggiunge solo in barca. Ed è un esempio di turismo responsabile

Il video

TRAVEL STORY L'Amazzonia che non ti aspetti Francisco Caimani è un indio mosetene. La selva amazzonica è la sua casa. I suoi sono passi sicuri tra il groviglio di rami e di liane che ci sbarrano la via. La selva respira e palpita al nostro passaggio, mentre la luce fatica a passare tra l’ordito delle foglie. Francisco si apre la strada con il macete. Colpi netti che rimbombano nell’aria immobile e calda. Il suono rimbalza di ramo in ramo e si unisce al coro degli uccelli che ci guardano dall’alto. Nuvole di pappagalli gridano come scolaretti in libertà. Versi striduli.

Siamo nell’Amazzonia boliviana a stretto contatto con gli indios mosetenes, una popolazione che si è stabilità lungo il fiume Quiquibey. Ma questo non è un viaggio come gli altri. Perché è un esempio di “turismo responsabile”. Questa comunità di 35 famiglie ha aperto, con l’aiuto di alcune organizzazioni internazionali, un ecolodge per accogliere i turisti. L’obiettivo è quello di dar vita a una forma di turismo sostenibile e solidale in una delle aree più sensibili del pianeta.

Continue reading »

La Bolivia diventa meta “culturale” per Viaggi solidali che propone un itinerario di venti giorni per conoscere da vicino le comunità autoctone che accompagneranno i turisti nella scoperta della sua natura estrema e delle usanze di un popolo che ha mantenuto la propria cultura e i propri ritmi. C’è la possibilità di effettuare mini-escursioni guidate di tre giorni per i viaggiatori indipendenti.

Fonte: http://www.combonifem.it/tema.aspx?t=124

Tagged with:  

L’operatore Viaggi Solidali lancia dal prossimo 28 ottobre la programmazione Bolivia. La nuova destinazione entra in catalogo nella collezione “Cultura” con un itinerario di 20 giorni da 3.780 euro. L’obiettivo è far conoscere i due patrimoni del Paese: i paesaggi naturali e le comunità indigene, che costituiscono oltre l’80% della popolazione.  Tra le tappe del viaggio, il t.o. torinese specializzato nel turismo responsabile segnala Potosì, dichiarata dall’UNESCO Patrimonio Culturale dell’Umanità, i panorami andini della Cordigliera di Los Frailes e il Salar de Uyuni, il deserto salato più grande e più alto al mondo. E ancora: l’Isla del Pescado, collina di origine vulcanica popolata di cactus centenari, e la Laguna Colorada. Uno dei momenti di incontro con le popolazioni locali è alle miniere di argento vicino Potosì dove le cooperative di minatori descriveranno la loro condizione, raccontando come in tre secoli di sfruttamento da parte dei colonizzatori le miniere di Cerro Rico abbiano causato la morte di otto milioni di schiavi indios e africani. Il soggiorno nella comunità di Tomarapi offre invece l’opportunità di assaporare i ritmi della pacata vita andina. Qui si incontreranno le famiglie, dedite in gran parte all’allevamento di lama e alpaca, e sarà possibile alternare lunghe passeggiate tra i geyser del Parco Nazionale Sajama a momenti di relax alle sorgenti termali comunitarie. La comunità di Caripe, alla quale fa capo la struttura di Tomarapi, fa parte della Red Tusoco (tusoco.com), una rete nazionale di comunità indigene formate e organizzate per la ricezione turistica con il fine di preservare la cultura e favorire lo sviluppo sostenibile dei pueblos.

Il Catalogo Bolivia di Viaggi Solidali

Fonte: http://www.lagenziadiviaggi.it

Tagged with:  

Bolivia, una rete tessuta dalle donne

On 07/12/2011, in video, by admin

da LeiWEB

Martha Poma Luque, 46 anni, è vicepresidente del senato della Bolivia, la camera alta della repubblica guidata da Evo Morales. E’ la prima donna a salire così in alto nella scala gerarchica della politica. Ed è la prima “cholita”, cioè donna indigena, ad essere eletta al senato. Di etnia aymara, orgogliosa delle sue umili origini contadine, indossa senza imbarazzo la bombetta, il vistoso scialle colorato e l’ampia “pollera”, la gonna, che usano le donne degli altipiani andini.

Molto attiva nel campo dell’associazionismo femminile del settore artigianale, è stata eletta come rappresentante della Central Obrera. Aldo Pavan l’ha intervistata nel suo ufficio senatoriale di La Paz in vista della proclamazione della settimana mondiale del mercato equosolidale che si svolgerà anche in Italia dal 9 al 15 maggio. Informazioni su Altromercato e Fairtrade

Guarda il video

I nostri viaggi in Bolivia

Tagged with: